Quanti soldi perdi a causa dei receptionist sbagliati, con Gabriele Leggiero | Podcast Ep.136

Quanti soldi perdi a causa dei receptionist sbagliati con Gabriele Leggiero | Podcast Ep.136

In un mercato ultra competitivo come quello dell’ospitalità moderna, un ruolo sempre più fondamentale viene svolto da una figura troppo spesso bistrattata e poco considerata come quella del receptionist.

Il receptionist è l’anello di collegamento tra il nostro hotel ed il mare magnum dei potenziali clienti, per questa ragione avere in struttura una figura che sia ben formata e ben allineata con la cultura aziendale del nostro hotel è un generatore di fatturato incredibile

Di questo e molto di più parlerà nel podcast Ospitalità 4.0 Gabriele Leggiero.

Gabriele attualmente si occupa di formazione e consulenza alberghiera, ma per oltre 20 anni ha gestito strutture alberghiere in tutta Italia, tra cui l’Hotel Stresa di Rimini

L’Hotel Stresa di Rimini è molto conosciuto agli addetti ai lavori perché ha vinto per due anni consecutivi, il premio assegnato da Trivago per il “miglior Hotel d’Italia per rapporto qualità prezzo”. 

Nella 136esima puntata del podcast si parlerà insieme a Gabriele dell’importanza di avere un team di collaboratori alla reception che sia ben selezionato, ben formato e dall’approccio lavorativo “smart”. 

Quando il receptionist diventa un generatore di fatturato

La reception è la cabina di regia dell’albergo.

Dalla reception passano richieste di prenotazione e avvengono trattative con clienti singoli ma anche gruppi, gestire in modo sagace queste conversazioni è fondamentale perché può andare ad incidere in modo importante il revenue di una struttura. 

Per ottenere eccellenti risultati, come quelli raggiunti dall’Hotel Stresa, il binomio imprescindibile da cui partire è: un’accurata selezione del personale seguita da una formazione minuziosa

Gabriele crede molto nella formazione continua del suo team, che come ci racconta durante la puntata, può durare anche un intero trimestre.

Sempre Gabriele sottolinea un aspetto troppo spesso sottovalutato, ossia quello secondo cui il receptionist tra i collaboratori è quello che si ripaga completamente il suo stipendio.

Anzi non solo è in grado di coprire il proprio costo, ma se opera nel modo giusto può portare nelle casse dell’hotel revenue e marginalità preziosissima.

Per l’albergatore è fondamentale avere un team di collaboratori che sia ben allineato e che sia quindi in grado di lavorare all’unisono.

Un receptionist deve essere genuinamente smart, tuttavia Gabriele investe molto tempo ad allenare l’occhio dei suoi colleghi del front desk affinché questi siano in grado di anticipare le richieste del cliente, andando ad offrire così un’esperienza di soggiorno eccezionale.

Vietato dire “abbiamo sempre fatto così” 

Un altro aspetto che è emerso nel corso della puntata è l’importanza di non rifare sempre le stesse cose. 

Una delle sfide più grandi che deve affrontare un albergatore, quando forma i propri receptionist, è riuscire a fargli abbracciare una nuova filosofia, portandoli ad affrontare i cambiamenti con entusiasmo e con senso di sfida continua.

Questa filosofia è decisamente in linea con quanto raccontato nel podcast Ospitalità 4.0.
Anche noi crediamo come Gabriele nell’importanza di essere agili nelle nostre scelte di business e di non fossilizzarci su vecchie dinamiche lavorative che ci imbrigliano a lavorare con i paraocchi.

La puntata con Gabriele è stata davvero interessante, la sua visione moderna e frizzante crediamo debba essere di ispirazione per ogni albergatore moderno.


Vi invitiamo ad ascoltare la puntata, se avete domande o considerazioni scriveteci a podcast@slope.it leggeremo e risponderemo insieme a Gabriele a tutte le domande in una puntata dedicata.

Buon lavoro!

Articoli consigliati